Login

Chi è on.line

Abbiamo 552 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8901690
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 20 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ogmA pagina 36 del programma Agricoltura del M5S c’è il paragrafo relativo agli Organismi Geneticamente Modificati e si può leggere “La speculazione sugli OGM riguarda le nuove biotecnologie, “genome editing” e “cisgenesi” che, benché molto più raffinate, soggiacciono alle stesse logiche di monocultura e di brevettualità di prodotto degli OGM e quindi alle stesse

storture democratiche e commerciali. Il Movimento 5 Stelle si impegna a mantenere l’Italia al di fuori di queste speculazioni al di là della metodologia scientifica usata per imporle ed è contrario alla introduzione di qualsiasi coltivazione OGM.”

Le deputate Silvia Benedetti e Sara Cunial osservano: “ce lo ricordiamo perché anche noi abbiamo lavorato su quel programma. Dopo aver visto le giravolte su No TAP, No Tav, No Ilva, ora assistiamo anche alla giravolta sul No Ogm, che diventa un Si Ogm, mimetizzato dentro a un parere della Commissione Agricoltura sul Documento di Economia e Finanza.“

Nel parere, infatti, al punto 3 si può leggere “Si valuti l’opportunità di meglio definire in ambito europeo i limiti di utilizzazione per la ricerca in campo agricolo del genome editing, al fine di poter dar corso senza incertezze giuridiche di sorta al Piano della ricerca straordinario del Consiglio per la ricerca in agricoltura” laddove il Piano della ricerca straordinario include il BIOTECH, un progetto basato sull’utilizzo delle tecniche di cisgenesi e genome editing per il miglioramento delle piante tipiche del made in Italy.

“Ci domandiamo cos’abbia fatto cambiare idea al M5S stavolta” proseguono le deputate, “Soprattutto per il fatto che la Corte di Giustizia UE ha già detto che il genome editing rientra negli OGM”.

“Inoltre - continuano le deputate - non capiamo che senso abbia, dal momento che per immettere nel mercato una varietà OGM i costi si aggirano sui 30 milioni di euro, investire milioni su varietà da creare in laboratorio invece che investire sulla biodiversità esistente. Ci chiediamo chi ci guadagni alla fine, perché l’ambiente ne esce, per l’ennesima volta, sconfitto.”

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information